L’utile netto di Rosneft IFRS per il primo trimestre è aumentato del 8,3%




L’utile netto attribuibile agli azionisti della “Rosneft”, IFRS per il 1 ° trimestre del 2017 è aumentato rispetto allo stesso periodo del 2016 al 8,3% e pari a 13 miliardi di rubli (a 1 mq. 2016 – 12 miliardi di us$), si legge nel comunicato stampa della società.

I ricavi nel 1 ° trimestre è aumentato del 34,5% a 1,41 miliardi di rubli contro 1,05 miliardi di rubli all’anno precedente.

L’EBITDA è cresciuto del 22% e pari a 333 miliardi di rubli (a 1 mq. 2016 – 273 miliardi di rubli). Il margine EBITDA è pari a 22,8% contro il 25,2% di un anno prima.

Il free cash flow ha superato 89 miliardi di rubli con una significativa riduzione impatto delle variazioni del capitale circolante, stipulato relativa stabilizzazione dei prezzi del petrolio e dei prodotti petroliferi.

A partire dalla fine del 1 ° trimestre 2017 il rapporto debito netto e EBITDA pari a 1,56 in termini di dollari. “Stabile flusso finanziario ha permesso di garantire il rimborso dei pagamenti previsti per attirare prestiti nel 1 ° trimestre del 2017 nonché di adempiere agli obblighi della società per il riacquisto di una quota di minoranza di Sicurezza nell’ambito di una offerta vincolante per un importo di 50 miliardi di rubli”, – ha detto in un comunicato stampa.


L’utile netto di Rosneft IFRS per il primo trimestre è aumentato del 8,3% 05.05.2017

Share with traders

Share to Google Plus
Share to LiveJournal
Share to MyWorld
Share to Odnoklassniki