I temi principali della giornata sui mercati Europei: la riduzione del rating della Cina, attesa la riunione dell’OPEC, la previsione di Goldman sull’impatto sul mercato del petrolio la vendita della metà SPR, l’incidenza delle azioni di ROS “Sistema”



Principali indici azionari Europei mercoledì si muovono in direzioni diverse, una volta la mattina sotto pressione dopo la decisione dell’agenzia Moody’s di abbassare la prima volta in quasi 30 anni di rating del credito in Cina.

L’agenzia internazionale di rating Moody’s Investors Service ha declassato il rating a lungo termine della Cina in valuta nazionale ed estera, con “Aa3” a “A1” e ha cambiato il rating outlook da “negativo” a “stabile”. L’agenzia ha riferito che si aspetta il deterioramento della situazione finanziaria del paese nei prossimi anni in un contesto di rallentamento della crescita economica in continuo aumento del debito pubblico.

“L’outlook stabile riflette la nostra valutazione, che a livello di rating “A1″ i rischi bilanciati”, si legge in un comunicato di Moody’s, понизившего rating CINESE per la prima volta dal 1989.

In risposta, le autorità cinesi hanno dichiarato che l’agenzia di rating Moody’s esagera le sfide dell’economia cinese e sottovaluta il piano di riforme del governo CINESE. Il ministero delle finanze Cinese ha accusato di Moody’s da usare “inadeguata metodologia”.

Alle 14:00 italiane l’indice paneuropeo Stoxx Europe 600 non è cambiato rispetto al livello di chiusura di ieri dopo una mattinata di ridurre a 0.1%. L’indice britannico FTSE-100 al momento attuale è cresciuto del 0,3%, il tedesco DAX e il CAC-40 ha perso lo 0,2%.

Tra i leader di riduzione sono state azioni di società minerarie, ricevono una parte significativa del reddito in Cina. Capitalizzazione di Fresnillo PLC si è ridotto dello 0,9%, le azioni di Rio Tinto e Norsk Hydro ASA è sceso 1,1% e 1,3% rispettivamente.

Azioni casa automobilistica tedesca Daimler AG è sceso del 2,6% dopo la vigilia di perquisizioni nella sede centrale di Daimler di Stoccarda e in altre sedi della società in länder Baden-Württemberg, Bassa Sassonia, Sassonia e Berlino. Incursioni delle autorità sono stati condotti in connessione con l’inchiesta con l’accusa di frode e l’introduzione in errore i consumatori durante la manipolazione dei dati sulle emissioni dei veicoli diesel.

Azioni casa automobilistica italiana Fiat è sceso di quasi il 1.2% dopo le sue dichiarazioni sul fatto che ha “deluso” l’accusa del ministero della Giustizia degli stati UNITI in uso автоконцерном software per eufemismo indicatori emissioni in ordine di 104 mila vetture con motori diesel.

Azioni Kingfisher PLC – proprietario delle reti commerciali per la vendita di articoli per la casa B&Q e Castorama è sceso del 6,7% dopo i suoi messaggi sulla riduzione delle vendite di beni comparabili nel trimestre 0.6% su base annua.

Azioni retailer britannico Marks and Spencer sono aumentati del 2%, nonostante l’uscita dei dati sulla riduzione del 10% dei profitti annuali.

Oltre a notizie sul downgrade della Cina, in vista degli investitori – atteso oggi il discorso del presidente della BCE Mario Draghi a Madrid in occasione della riunione del consiglio di amministrazione della Banca di Spagna. Ricordiamo, alla vigilia sono stati pubblicati gli indici PMI dell’eurozona, lasciare che l’attività economica nel settore manifatturiero e terziario della regione nel mese di maggio è rimasto per sei anni massimo. La coppia EUR/USD in questo momento è scambiato vicino semestrali alti, raggiungendo 1.1180.

Oggi sarà pubblicato il rapporto mensile della BCE sulla stabilità Finanziaria, e, inoltre, saranno presentati i protocolli precedente della riunione del fomc della FED, che possono avere un impatto sulla dinamica di EUR/USD.

In corso di negoziazione sulla borsa di Mosca MICEX azioni di ROS “Sistema” (meno dell ‘ 8,6%) e la sua consociata MTS (-1.8%) sono stati sotto pressione dopo l’aumento di richiesta di risarcimento di “Rosneft” al “Sistema” a 170.6 miliardi di rubli con 106.6 miliardi di rubli. La società sovrastimato requisiti considerando il deprezzamento del rublo, che si è verificato dopo descritte nella causa di eventi. Depositary receipts AFC “Sistema” a Londra è sceso dell ‘ 8%.

La pretesa di “Rosneft” AFC “Sistema” e la sua “figlia” di “Sistema-Invest” associati tra cui la riorganizzazione della struttura di proprietà “Progresso”, condotta AFC “Sistema” nel 2013-2014. AFC “Sistema” gestiva “Башнефтью” ed alcune altre aziende bashkir ENERGIA a loro nazionalizzazione. Alla fine del 2016 il 50% delle azioni di “Progresso” sono stati acquistati “l’Orso”. L’udienza preliminare del tribunale Arbitrale Bashkortostan per la causa di “Rosneft” è prevista per il 6 giugno.

Il congresso degli stati UNITI oggi continuerà l’esame del progetto di bilancio degli stati UNITI, presentato alla vigilia di amministrazione della casa Bianca. Il presidente degli stati UNITI, Donald Trump insiste sulla riduzione della spesa pubblica a 3.6 miliardi di dollari, riducendo il sostegno statale per i poveri, per i programmi di aiuto alimentare e sanitario.

Inoltre, Trump offre di vendere la metà delle riserve di petrolio di Strategic petroleum reserve degli stati UNITI (SPR) volume di 688 milioni di barili. La vendita si intende attuare con il 2018 anno fiscale (che inizierà il 1 ° ottobre) al 2027 anno e ottenere un reddito pari a 16,5 miliardi di dollari, che contribuirà a ridurre il deficit di bilancio.

Secondo gli analisti di Goldman Sachs, la proposta di Trump vendita metà SPR non avrà un effetto significativo le misure dell’OPEC per bilanciare domanda e offerta sul mercato del petrolio. In uno studio di Goldman osserva che dalla vendita di petrolio riserva il governo degli stati UNITI riceverà 500 milioni di dollari nel primo anno, e in futuro si prevede solo un graduale aumento delle entrate. Secondo Goldman, vendita olio di SPR porterà ad entrare sul mercato circa 110 mila barili. di petrolio al giorno in media fino al 2027. Quando nel 2018 – 2020 il mercato sarà di 66 mila barili. nel giorno di SPR e solo 25 mila al giorno nell’anno in corso.

“È una piccola quantità di rispetto come con la dimensione dei tagli OPEC a 1.7 milioni di barili. al giorno, e con la dimensione mondiale del mercato del petrolio a 98 milioni di barili. al giorno”, si legge in uno studio di Goldman.

Giovedi, 25 maggio, si terrà la riunione dell’OPEC e partner, nel corso del quale verrà affrontata la questione della proroga di sei mesi dell’accordo sulla riduzione della produzione di petrolio. Gli esperti sperano che la durata del contratto sarà rinnovato per 9 mesi.

Al momento attuale il costo medio del greggio Brent è aumentato dello 0,1% rispetto al livello di chiusura di ieri, raggiungendo 54.2 dollari al barile.

Preparato con materiali di MarketWatch e CNBC.



I temi principali della giornata sui mercati Europei: la riduzione del rating della Cina, attesa la riunione dell’OPEC, la previsione di Goldman sull’impatto sul mercato del petrolio la vendita della metà SPR, l’incidenza delle azioni di ROS “Sistema” 24.05.2017

Share with traders

Share to Google Plus
Share to LiveJournal
Share to MyWorld
Share to Odnoklassniki