I prezzi del petrolio hanno smesso di cadere



I prezzi del petrolio al NYMEX sono passati in territorio positivo sullo sfondo della spesa a prezzi bassi e di scadenza dei contratti.

Prima di oggi il prezzo del petrolio WTI è sceso a un nuovo minimo di tre mesi, poiché i timori di saturazione delle riserve mondiali di petrolio e di prodotti petroliferi continuano a dominare il sentimento del mercato.

I prezzi del petrolio restano sotto pressione dopo che la US energy information administration (EIA) ha riferito nel suo rapporto settimanale, che le scorte di greggio sono aumentate di 1,7 milioni di barili nella settimana terminata il 22 luglio, a 521,1 milioni di barili che il ministero ha nominato «storicamente ad alto livello per questo periodo dell’anno».

Il rapporto ha mostrato che le scorte di benzina sono aumentate di 452000 di barili. Nonostante il culmine della stagione estiva di guida negli stati UNITI, le scorte di benzina superano di gran lunga i confini di fascia media, segnala EIA.

Nelle ultime settimane americano il punto di riferimento resta sotto pressione in presenza di segnali di recupero attività di perforazione negli stati UNITI, in combinazione con elevate riserve di carburante dei prodotti.

I prezzi del petrolio è sceso di quasi il 18% con un livello di picco al di sopra di $50 all’inizio di giugno, così come l’eccesso di scorte di benzina oscurano le prospettive della domanda di petrolio.

Il costo di settembre futures sul greggio degli stati uniti WTI (Light Sweet Crude Oil) è salito a 41,40 dollari al barile.

Il prezzo di settembre futures composto Brent è salito a il 43.45 dollari al barile alla borsa di londra ICE Futures Europe.



I prezzi del petrolio hanno smesso di cadere 29.07.2016

Share with traders

Share to Google Plus
Share to LiveJournal
Share to MyWorld
Share to Odnoklassniki